Riforma della pena detentiva a vita: il Consiglio federale avvia la consultazione

Berna, 02.06.2023 - La pena detentiva a vita non pone problemi di applicazione o sicurezza; tuttavia occorre distinguerla meglio dalla pena detentiva di 20 anni e dall’internamento. Il Consiglio federale propone pertanto di esaminare la liberazione condizionale da una pena detentiva a vita dopo 17 anni. Intende inoltre disciplinare l’esecuzione in modo chiaro in caso di concorso della pena detentiva a vita con l’internamento. Nella seduta del 2 giugno 2023 il Consiglio federale ha avviato la consultazione su una relativa modifica del Codice penale (CP).

In un rapporto del novembre 2022 il Consiglio federale era giunto alla conclusione che non sussisteva alcuna necessità urgente di agire in merito alla pena detentiva a vita. Il rapporto illustrava tuttavia alcune possibilità di adeguarne la struttura, al fine di distinguerla meglio dalla pena detentiva di 20 anni e dall’internamento. La mozione 20.4465 di Andrea Caroni ha quindi incaricato il Consiglio federale di attuare tali proposte.

L’avamprogetto posto in consultazione prevede il prolungamento di due anni della parte di pena detentiva senza condizionale. La liberazione condizionale sarebbe pertanto esaminata per la prima volta dopo 17 anni e non più dopo 15, come finora. Ciò permette di distinguere meglio la pena detentiva a vita dalla pena di 20 anni, la cui parte di pena senza condizionale dura poco più di 13 anni. Inoltre, l’avamprogetto intende abrogare la possibilità di una liberazione condizionale straordinaria per tutte le pene detentive, poiché priva di rilevanza pratica.

Chiarire il rapporto con l’internamento

Secondo il diritto vigente è possibile condannare un autore contemporaneamente a una pena detentiva a vita e a un internamento. Poiché tuttavia le pene sono eseguite sempre prima dell’internamento, nel caso di una pena detentiva a vita non si verifica mai il passaggio all’internamento. La liberazione condizionale da una pena detentiva a vita è possibile solo se vi è da attendersi che la persona supererà con successo il periodo di prova in libertà. In assenza di una previsione favorevole, prosegue l’esecuzione della pena detentiva a vita.

Questa situazione è urtante poiché l’esecuzione di una pena detentiva è strutturata in modo diverso rispetto all’internamento: l’esecuzione della pena verte sulla risocializzazione, mentre l’internamento intende proteggere la popolazione da persone pericolose. Per tenere meglio conto di questa differenza, il Consiglio federale propone di eseguire dapprima la pena detentiva a vita secondo le disposizioni sull’esecuzione delle pene detentive e di applicare dopo 26 anni le regole per l’esecuzione dell’internamento.


Indirizzo cui rivolgere domande

Ufficio federale di giustizia, T +41 58 462 48 48, media@bj.admin.ch



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale di giustizia e polizia
http://www.ejpd.admin.ch

Ufficio federale di giustizia
http://www.bj.admin.ch

Ultima modifica 30.01.2024

Inizio pagina

Abonnarsi ai comunicati

https://www.nkvf.admin.ch/content/bj/it/home/aktuell/mm.msg-id-95539.html