Pubblicato il rapporto della CNPT sul centro per l’esecuzione delle misure di Kalchrain

Comunicati, CNPT, 28.10.2013

Berna. In data odierna la Commissione nazionale per la prevenzione della tortura (CNPT) ha pubblicato un rapporto sulla sua visita del 26 e 27 marzo 2013 al centro per l’esecuzione delle misure di Kalchrain. Improntato a un approccio interdisciplinare, l’istituto per la terapia di giovani adulti è imperniato sull’integrazione professionale degli ospiti e la pedagogia sociale. La commissione ha riscontrato condizioni fondamentalmente corrette. Ha invece espresso preoccupazione in merito all’attuazione di norme disciplinari che presentano in parte importanti lacune giuridiche, approvando tuttavia l’intenzione dell’istituto di colmarle.

La terapia è considerata parte integrante del piano di misure

Il centro di Kalchrain si basa su un programma sociopedagogico e terapeutico di quattro livelli. Prevedendo elementi incentrati sui reati commessi, ha lo scopo di promuovere la risocializzazione degli ospiti e di dissuaderli dal commettere altri reati. L’attuale piano di misure promuove in primo luogo l’integrazione professionale e la sociopedagogia, mentre l’approccio terapeutico, altrettanto determinante per l’esecuzione delle pene, è separato della misura. Tale modo di procedere potrebbe però creare dei punti cechi suscettibili di diminuire l’effetto delle misure, impegnative e onerose.

Norme disciplinari lacunose

Dall’esame dei registri disciplinari sono emerse varie lacune riguardo a decisioni sanzionatorie. Secondo la Commissione, tali lacune limitano considerevolmente i diritti procedurali di alcuni interessati e vanno colmate urgentemente. La Commissione ha quindi invitato le autorità cantonali a esaminare la conformità al diritto delle norme disciplinari applicate.

Regime delle visite troppo rigido

La Commissione è del parere che, tenuto conto della giovane età di singoli ospiti, il regolamento delle visite è troppo rigido, in particolare se il soggiorno nel gruppo di accoglienza chiuso supera i tre mesi.

Documenti

(Questi documenti non sono disponibile in italiano)

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 28.10.2013

Contatto

Contatto / informazioni

Commissione nazionale per la prevenzione della tortura
T
+41 58 465 16 20
Contatto

Cartina

Commissione nazionale per la prevenzione della tortura

Schwanengasse 2
3003 Berna

Mostra sulla cartina