Vallese: condizioni di detenzione inaccettabili al centro LMC di Granges

Comunicati, CNPT, 28.05.2018

In occasione di un colloquio con il consigliere di Stato Frédéric Favre, capo del dipartimento vallesano della sicurezza, delle istituzioni e dello sport, il 22 maggio 2018 la CNPT ha espresso le proprie preoccupazioni in merito alle condizioni di detenzione al centro LMC di Granges. Già in una lettera indirizzata al Consigliere di Stato in gennaio, la CNPT aveva giudicato tali condizioni inaccettabili alla luce delle norme nazionali e internazionali in materia di detenzione amministrativa. Si è mostrata particolarmente preoccupata per il collocamento di donne incinte, chiedendo al Consiglio di Stato di adottare misure urgenti e di prendere in considerazione collocamenti alternativi.

Dopo la quarta visita senza preavviso nel dicembre 2017, la CNPT stila un bilancio negativo per quanto riguarda l’attuazione delle raccomandazioni rivolte al Consiglio di Stato in occasione delle visite precedenti. Pur rallegrandosi di qualche miglioria formale apportata, in particolare l’allestimento di una sala per attività sportive/ricreative e l’estensione dell’ora d’aria, la CNPT non ritiene le condizioni di detenzione mutate nella sostanza.

La CNPT punta in particolare il dito sul carattere troppo carcerario della struttura e l’eccessiva restrizione della libertà di movimento dei detenuti amministrativi. Considerata la natura non penale della detenzione amministrativa, la CNPT ha chiesto alle autorità vallesane di adottare un regime attenuato, in particolare limitando allo stretto necessario gli orari in cui i detenuti sono rinchiusi in cella.

La CNPT si è detta particolarmente preoccupata per la situazione delle donne poste in isolamento troppo spesso. Ha in particolare rilevato il caso, del 2017, di una donna incinta collocata al centro LMC per 42 giorni prima di essere trasferita in un foyer. La CNPT ravvede la necessità di misure urgenti per trovare soluzioni di collocamento alternative. Si rallegra pertanto della volontà espressa dal Capodipartimento di porre rimedio alla situazione adottando misure concrete.

Dal 2010 la CNPT ha visitato il centro LMC di Granges a quattro riprese, giudicando inadeguate le condizioni materiali e il regime di detenzione vigente e raccomandando al Consiglio di Stato di adottare misure urgenti. Nel dicembre 2017 ha effettuato una visita senza preavviso per valutare lo stato di attuazione delle raccomandazioni formulate in occasione delle visite precedenti del 2010, del 2012 e del 2015.

Documentazione

  • Lettera (PDF, 68.75 KB)

    (Questo documento non è disponibile in italiano)

vai a inizio pagina Ultimo aggiornamento 28.05.2018

Contatto

Sandra Imhof Commissione nazionale per la prevenzione della tortura
T
+41 58 465 16 20
Contatto