Libera circolazione: il Consiglio federale si esprime sulle raccomandazioni del Parlamento

Berna, 24.04.2015 - Il Consiglio federale si è espresso in merito alle quattro raccomandazioni formulate dalla Commissione della gestione del Consiglio nazionale (CdG-N), la quale raccomanda al Consiglio federale di sfruttare meglio i dati disponibili sui migranti, al fine di ottenere analisi statistiche più approfondite e di permettere un controllo più accurato del diritto di soggiorno fondato sulla libera circolazione delle persone. Il Consiglio federale fa notare che la loro attuazione cagionerebbe considerevoli oneri finanziari e amministrativi alla Confederazione e ai Cantoni. In linea di massima il Governo giudica comunque possibile collegare tra loro i dati esistenti al fine di ottimizzare le analisi.

In un primo rapporto pubblicato un anno fa, la CdG-N aveva puntualizzato che la migrazione fondata sull’Accordo sulla libera circolazione delle persone (ALC) concluso con L’Unione europea (UE) nasce a scopo di lavoro. Allo stesso tempo rilevava comunque la necessità di meglio controllare il diritto di soggiorno degli stranieri soggetti all’ALC. Il 13 agosto 2014 il Consiglio federale si è dunque pronunciato in merito alle nove raccomandazioni formulate nel rapporto. Fondandosi sul parere governativo, il 6 novembre 2014 la CdG-N pubblicava infine un secondo rapporto invitando il Consiglio federale a esprimersi in merito.

Raccomandazioni in parte già attuate
Nel secondo rapporto la CdG-N rileva che il pacchetto legislativo antiabusi mette in atto parte delle raccomandazioni formulate in un primo tempo: sono previste norme federali per disciplinare la perdita del diritto di soggiorno dei cittadini UE/AELS in caso di disoccupazione; è contemplato anche uno scambio di dati perfezionato per assicurare il riesame del diritto di soggiorno degli stranieri immigrati dopo il pensionamento che percepiscono prestazioni complementari; infine s’intende escludere dall’aiuto sociale chi giunge in Svizzera alla ricerca di un impiego.

Il nocciolo delle raccomandazioni non ancora adempite riguarda la disponibilità dei dati e delle informazioni. La CdG-N considera troppo scarni i dati, il che impedisce ai Cantoni di applicare il diritto vigente e alla Confederazione di adempire i propri obblighi di vigilanza. Tra le altre cose, la CdG-N ritiene insufficienti gli strumenti a disposizione per analizzare l’evolvere dei livelli salariali, i redditi bassi e la quota delle prestazioni sociali tra i cittadini UE/AELS in Svizzera.

Il Consiglio federale ha preso atto con interesse delle raccomandazioni della CdG-N avviando approfonditi accertamenti su come metterle in atto. In linea di massima si dice favorevole all’idea di collegare a scopi statistici i dati disponibili in materia di assicurazione contro la disoccupazione, di AVS e di aiuto sociale. Ritiene inoltre possibile registrare ulteriori informazioni nel sistema d’informazione centrale sulla migrazione (SIMIC) e illustra come potenziarlo. Il Governo fa tuttavia notare che l’attuazione delle raccomandazioni implica considerevoli oneri finanziari e amministrativi per la Confederazione e i Cantoni. Per poter decidere con maggior cognizione di causa, è quindi opportuno attendere la presentazione, nella primavera 2016, del rapporto del Consiglio federale in risposta al postulato 14.005 (CdG-N: Chiarimento delle cause delle differenze tra i Cantoni nell’esecuzione dell’accordo sulla libera circolazione delle persone), che illustrerà i risultati di un attento esame dell’applicazione da parte della Confederazione e dei Cantoni.

Postulato sull’applicazione nei Cantoni
La CdG-N ha finito per trasformare in postulato tre raccomandazioni: vuole conoscere i motivi alla base delle divergenze cantonali nell’applicazione dell’ALC e le modalità per perfezionare e uniformare l’utilizzo degli strumenti di gestione dell’immigrazione nei Cantoni. Nell’elaborare il rapporto sul postulato in questione, il Consiglio federale verificherà, insieme ai Cantoni, se è possibile armonizzare l’applicazione dell’ALC aumentando la densità informativa. 


Indirizzo cui rivolgere domande

Martin Reichlin, Segreteria di Stato della migrazione, T +41 58 465 93 50



Pubblicato da

Il Consiglio federale
https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale.html

Dipartimento federale di giustizia e polizia
http://www.ejpd.admin.ch

Segreteria di Stato della migrazione
https://www.sem.admin.ch/sem/it/home.html

Ultima modifica 10.06.2024

Inizio pagina

button-nsb-abo

Abbonarsi ai comunicati

Sul portale del Governo svizzero potete abbonarvi ai comunicati stampa della SEM.

https://www.bj.admin.ch/content/sem/it/home/sem/medien/mm.msg-id-56997.html